Come fare il backup

Come fare il backup

Iniziamo col dire che il backup è di fondamentale importanza per evitare la perdita dei dati ovvero file, foto, video o altro. Purtroppo ci ricordiamo di farlo solo dopo che la perdita dei dati è già avvenuta. Troppo tardi!! Allora cerchiamo di capire come fare il back up e come gestirlo al meglio.

Iniziamo a fare una distinzione: backup dei dati (file) e backup delle applicazioni. Diciamo subito che il secondo caso, poiché sono programmi installati, implica l’immagine del POC e quindi è un argomento più complesso.

Allora concentriamoci solo sulla copia di sicurezza dei file. 

Primo consiglio: cercate di salvare i dati sempre nello stesso percorso ovvero Documenti e all’interno creare le sottocartelle. Non lasciate file sparsi per tutto il disco del PC, diventa difficile salvarli nel modo più efficace. In download lasciamo tutti i file scaricati e non da salvare nel tempo, se c’è un fiel di particolare importanza, dopo averlo scaricato, lo spostiamo in Documenti.

Detto questo, è evidente che il backup deve essere automatico, possiamo farlo manualmente ma non è ciò che ci garantisce la sicurezza di non perdere dati.Secondo consiglio: scaricare un software di backup, meglio se free ovvero non a pagamento, e per questo vi suggerisco Cobian Backup 11 Gravity  (questa è l’ultima versione, il link vi rimanda sul sito e troverete sempre la versione più aggiornata). Fate clic su 

e salvare il file sul PC ( ricordate scaricate sempre nella cartella download), ha le dimensioni di circa 20 MB. Fate clic sul file scaricato e parte l’installazione del software, prima vengono estratti i file

e poi la procedura di setup vi chiede di selezionare la lingua,

poi clic su Successivo,  accettare le condizioni mettendo il flag alla check box e vi appare:

Terzo consiglio: non modificate il percorso di installazione e non modificate le impostazioni di default (è sempre comodo avere l’icona nel menù start e il servizio Volume Shadow Copy è di fondamentale importanza per fare il backup istantaneo dei dati, anche se c’è un programma che li sta scrivendo).

Ora dobbiamo fare una scelta importante, il software deve partire in automatico e quindi dobbiamo fare in modo che all’avvio del PC parta un servizio (chi utilizza il PC non se ne accorge perché si dice in termine tecnico che il software parte in background ). Facciamo clic su successivo e si presenta un’altra scelta:

Quarto consiglio: non fate mai il backup sullo steso disco dove sono salvati i dati, la copia di sicurezza serve per cancellazioni accidentali di file ma anche nel caso di rotture del disco, se il backup viene fatto sulo stesso disco è evidente che non serve a nulla. Allora dischi diversi ( al limite anche sullo stesso PC o di rete collegati a server o dischi di un NAS) , ma attenzione a non confondervi con partizione, la lettera diversa non significa disco diverso (C: D:)

Nell’immagine di esempio c e d sono partizioni dello stesso disco fisico, in questo caso è meglio fare il backup sul disco Z: che è in rete su \\fs1

Quinto consiglio: fate la scelta di usare l’account locale e non di dominio se il backup avviene su un disco collegato al PC in uso (Hard disk interno o esterno, pen drive, etc) altrimenti se lo fate su un disco di rete e avete un dominio allora è meglio scegliere un utente di dominio, se non avete un dominio assicuratevi che il vostro utente locale abbia la possibilità di scrivere nelle cartelle del disco di rete dove salvare il backup.

Confermate le scelte, fare clic su Installa e procede l’installazione definitiva mostrando a video il log dei file di installazione copiati. Clic su Finito ed il software è pronto per la configurazione finale.

Vi sarete accorti che a prima vista non vi sono programmi aperti, in realtà Cobian è già funzionante e gira in background. Facciamo clic in basso a destra sulla barra, vicino all’ora e appare una piccola finestra con il simbolo di Cobian.

Doppio clic sull’icona di Cobian e si apre il pannello di controllo.

Per procedere con la cofnigurazione vai all’articolo Configurazione Cobian Backup 11 Gravity

fiorentino.darco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *