Quiz 81 08 Capitolo 1

Quiz 81 08 Capitolo 1

Capitolo 1 Quiz

Il Capitolo 1 del corso di formazione per addetti antincendio prevede i seguenti argomenti relativi all’incendio e la prevenzione incendi:

  • principi della combustione
  • le principali cause d’incendio in relazione allo specifico ambiente di lavoro
  • le sostanze estinguenti
  • i rischi alle persone ed all’ambiente
  • specifiche misure di prevenzione incendi
  • accorgimenti comportamentali per prevenire gli incendi
  • l’importanza del controllo degli ambienti di lavoro
  • l’importanza delle verifiche e delle manutenzioni sui presidi antincendio

In questa pagina puoi esercitarti rispondendo solo alle domande relative al Capitolo 1. Alla fine delle 30 domande cliccando sul pulsante “Fine test” verrai riportato in cima alla pagina dove potrai visualizzare il tuo punteggio (domande esatte su 30). E cliccando su “Ricomincia” potrai ricaricare, in modo casuale, altre 30 domande.

Results

Complimenti hai superato il test esame.
Mi dispiace non hai superato il test.

#1. Un elemento che influenza la combustione dei solidi è la quantità di umidità in essi contenuta.

#2. L’esplosione è il risultato di una rapida espansione di gas dovuta ad una reazione chimica di combustione.

#3. La combustione delle sostanze solide è influenzata dalla pezzatura e forma del materiale.

#4. Il calore non è la causa principale della propagazione degli incendi.

#5. Il fosgene (COCl2) è un gas tossico che si può sviluppare durante la combustione di materiali che contengono il cloro, come per esempio alcune materie plastiche.

#6. In un liquido infiammabile tanto più è bassa la temperatura d’infiammabilità tanto prima si ha la possibilità che si formino vapori in quantità tale da essere incendiati.

#7. Gli idrocarburi alogenati sono sostanze combustibili usate nell’industria.

#8. Per lo spegnimento di un incendio normalmente si utilizza una combinazione delle operazioni di esaurimento del combustibile, di soffocamento e di raffreddamento.

#9. La sicurezza è l’attività finalizzata a rendere minimi i rischi.

#10. Le possibili modalità d’innesco possono essere suddivise in quattro categorie: accensione diretta, accensione indiretta, attrito, autocombustione.

#11. A parità di volume del recipiente un gas liquefatto può essere conservato in quantità notevolmente superiore che se soltanto compresso.

#12. Il metano è un gas più pesante dell’aria..

#13. Il rischio è la probabilità che si verifichino eventi che producono danni.

#14. Il processo di combustione delle sostanze solide porta alla formazione di braci che sono costituite dai prodotti della combustione dei residui carboniosi della combustione stessa.

#15. L’attrito è una sorgente di innesco.

#16. La sicurezza antincendio è orientata alla salvaguardia dell’incolumità delle persone ed alla tutela dei beni e dell’ambiente.

#17. Per ogni dispositivo di sicurezza la verifica della funzionalità deve essere effettuata ogni sei mesi.

#18. L’adozione di pavimenti ed attrezzi antiscintilla risulta indispensabile qualora negli ambienti di lavoro venga prevista la presenza di gas, polveri o vapori infiammabili.

#19. Un incendio può essere spento per raffreddamento .

#20. I materiali combustibili solidi compatti se in pezzatura sufficientemente grande si accendono facilmente anche a temperature basse.

#21. La realizzazione degli impianti elettrici a regola d’arte è una misura di prevenzione.

#22. Il personale che manipola sostanze infiammabili o chimiche pericolose deve essere adeguatamente addestrato sulle circostanze che possono incrementare il rischio d’incendio.

#23. La CO2 è un gas tossico e non asfissiante.

#24. Tra i parametri che influenzano la combustione delle sostanze solide detenute all’aperto c’è anche la condizione meteorologica atmosferica.

#25. Realizzando gli impianti elettrici a regola d’arte si consegue lo scopo di ridurre le possibilità d’incendio.

#26. Il fosgene è un gas a bassa tossicità.

#27. Si parla di attrito quando il calore è prodotto dallo sfregamento di due materiali.

#28. L’ossido di carbonio (CO) sviluppato negli incendi risulta pericoloso perchè tossico del sangue .

#29. Gli ambienti in cui sono previste lavorazioni con fiamme libere non occorre che siano accuratamente controllati.

#30. Nei liquidi infiammabili la combustione avviene quando tra il pelo libero del liquido e l’atmosfera che lo sovrasta i vapori del liquido miscelati con l’ossigeno dell’aria si trovano in concentrazioni comprese nel campo d’infiammabilità.

Fine test

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *